Parigi, settembre 2015

Ho sempre avuto una particolare attrazione per i libri usati lasciati alla rinfusa negli angolini nascosti delle grandi città.
Penso spesso alla quantità di storie, amori e amicizie che sono dietro quelle pagine ingiallite, come tanti messaggi nelle bottiglie affidati all’oceano e ai suoi tumulti.
Ricordo che a Parigi, in quel negozietto comprai un libro scritto in italiano che recava una dedica sulla prima pagina, chissà a quale volto apparteneva quella calligrafia frastagliata, chissà che legame lo legava al destinatario del libro e chissà quante giravolte aveva fatto il destino prima di far finire quel libro nelle mie mani da turista.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...